Torna alle news

FOCSIV: Noi chiediamo porti aperti alla responsabilità umanitaria

Roma, 21 gennaio 2019

Comunicato stampa

Di fronte all’ennesima tragedia nel Mediterraneo, a chi scappando dall’inferno della Libia trova la morte a pochi chilometri dalle coste europee; di fronte a coloro che ancora strumentalmente accusano le ONG di voler far invadere il nostro Continente, quando invece, come in questo caso, è intervenuta la Marina italiana ed un mercantile a dare soccorso, e di fronte a una Guardia costiera libica, che ancor oggi riceve l’appoggio dal nostro Governo, e che dichiara di essere in avaria!

Di fronte a quanto sta accadendo FOCSIV e i suoi Soci non tacciono. Anzi invitano le organizzazioni della società civile, le parrocchie, i quartieri, i Comuni, a dichiararsi porti aperti. Porti aperti alla responsabilità umanitaria come risposta alla sofferenza umana, porti aperti per offrire sostegno e accoglienza. Porti sul nostro territorio, come esempio per centinaia di porti aperti in tutta Europa, nei paesi del Mediterraneo, dell’Africa e del mondo tutto, di quello che ancora si definisce semplicemente umano.” ha dichiarato Gianfranco Cattai, Presidente FOCSIV.

Tutte le accuse di collusione tra ONG e trafficanti sono cadute nel vuoto. Nel frattempo, si susseguono nuovi allarmi di imbarcazioni alla deriva con carichi di persone riconsegnate alla Libia. Mentre Malta, Italia e l’Europa tutta, si sottraggono al dovere umanitario e di coscienza: di salvare vite umane, in un balletto di cinico scarico di responsabilità.

 

La questione non sono le ONG, è la guerra, l’insicurezza, la detenzione dei migranti in centri di tortura, la collusione tra milizie, trafficanti e guardia costiera libica. L’irresponsabilità di governi indifferenti, cinici o, peggio, anch’essi collusi con le milizie locali per assicurarsi le fonti petrolifere, chiudendo gli occhi di fronte alle atrocità dello schiavismo e dello sfruttamento.

 

Sta in questo il fallimento del Governo italiano e dell’Unione europea.

 

L’unica soluzione è una forte pressione della comunità internazionale per costituire centri di accoglienza degni di questo nome, per dar seguito ai corridoi umanitari e alle operazioni di reinsediamento da attuare con qualsiasi paese civile, africano, europeo, di altri continenti, che si dichiari disposto a dare asilo.

E questo si può e si deve fare se viene data applicazione al Global Compact per i Rifugiati (già firmato dall’Italia, e di cui nessuno parla) e a quello per le migrazioni, che il Parlamento italiano dovrebbe approvare senza se e senza ma, applicando con coerenza una politica estera fondata sui diritti umani e non sugli interessi economici.

 

Ufficio Stampa FOCSIV – Volontari nel mondo

Giulia Pigliucci 335 6157253  ufficio.stampa@focsiv.it

Valentina Citati comunicazione social 3495301102 comunicazione@focsiv.it

Marta Francescangeli Tel. 06 6877867  m.francescangeli@focsiv.it

Donor & collaborazioni

  • Soddisfazione per la formazione del progetto EVA in Ghana – EU Aid Volunteers

    Dal 17 al 23 febbraio ASPEm è stata a Tamale, Ghana, con il progetto EVA per l’ultima fase della formazione in preparazione della certificazione EU Aid Volunteers. Al seminario hanno partecipato le 2 associazioni africane partner del progetto, la marocchina ASTICUDE, e la ghanese GDCA, che ha ospitato l’evento. L’ONG spagnola APY ha facilitato il… Read more »

  • “Mujeres con talento” riceve il premio Perù per lo Sviluppo Sostenibile

    “Mujeres con talento”, è stato riconosciuto nella categoria “Prosperità” del premio “Perù per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” dall’associazione Perú 2021. Il riconoscimento è assegnato a progetti che stanno contribuendo allo sviluppo sostenibile del Paese in linea con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile in cinque categorie: Persone, Partenariati, Pianeta, Pace e Prosperità. La categoria… Read more »

  • ASPEm in Marocco per formazione progetto EVA – EU Aid Volunteers

    Dal 13 al 17 settembre ASPEm è stata in Marocco per la formazione sulla sicurezza per i partner africani del progetto EVA. ASPEm e APY hanno facilitato il seminario a cui hanno partecipato rappresentanti dell’associazione ghanese GDCA e la marocchina ASTICUDE, che ha ospitato il seminario nella sua sede di Nador. Nei quattro giorni di… Read more »

  • Nuove opportunità di volontariato in Palestina – EU Aid Volunteers

    Dopo molti mesi di attesa, finalmente si è riaperta la possibilità di svolgere un’esperienza di volontariato in Palestina attraverso il programma EU Aid Volunteeers (progetto SuD HAV 2) ASPEm cerca quindi un volontario da inviare presso Human Supporters Association a Nablus, per svolgere attività di supporto educativo con bambini e ragazzi tra giugno e dicembre 2019. La… Read more »

  • Continuano i seminari del progetto EVA – EU Aid Volunteers

    La prima settimana di dicembre ha visto tutti i partner del progetto EVA impegnati in varie sessioni di formazione su come pianificare l’inserimento di volontari in base alle effettive esigenze di ciascuna organizzazione. I soci sudamericani, guidati da ASPEm, si sono trovati a La Paz, quelli asiatici, guidati da ADICE, a Bali, mentre i soci… Read more »

  • Come l’Okapi: primi traguardi

    Giovedì 13 dicembre 2018 è giunto al termine il percorso intrapreso con la Scuola Primaria F. Casati di Brenna nell’ambito del progetto Come l’Okapi Alunni, famiglie, insegnanti e operatori di ASPEm hanno partecipato ad un momento di condivisione a conclusione delle attività realizzate con le cinque classi della scuola. Gli alunni hanno presentato alle famiglie il lavoro… Read more »

  • Partiti gli ultimi EU Aid Volunteer – Progetto SuD HAV

    Nelle ultime settimane hanno preso servizio gli ultimi 3 volontari del progetto SuD HAV. Con Marta, Edoardo e Cristina, sono 9 i giovani partiti con ASPEm grazie al programma EU Aid Volunteers. Marta resterà fino ai primi di luglio 2019 a Shianda, villaggio nella regione del Kenya Occidentale, a supporto dei progetti di sviluppo comunitario… Read more »

  • FOCSIV: Noi chiediamo porti aperti alla responsabilità umanitaria

    Roma, 21 gennaio 2019 Comunicato stampa “Di fronte all’ennesima tragedia nel Mediterraneo, a chi scappando dall’inferno della Libia trova la morte a pochi chilometri dalle coste europee; di fronte a coloro che ancora strumentalmente accusano le ONG di voler far invadere il nostro Continente, quando invece, come in questo caso, è intervenuta la Marina italiana… Read more »

  • Merenda di amaranto per la scuola di San Lorenzo

    Dal alcune settimane gli alunni della scuola primaria di San Lorenzo (Tarija – Bolivia) ricevono barrette di amaranto per merenda. Le barrette sono uno dei 5 prodotti trasformati di amaranto che hanno già ricevuto la certificazione sanitaria necessaria alla distribuzione e alla vendita e il primo ad essere consumato nelle scuole. ASPEm e i partner… Read more »