Emergenza Perù: report, dati e informazioni

21-03-2017
Emergenza Perù

Dal mese di febbraio il Perù è colpito da forti piogge dovute a un particolare fenomeno meteorologico: El Niño Costero. Questo fenomeno si caratterizza per un aumento della temperatura delle acque oceaniche che portano alla formazione di un’area umida di bassa pressione.

Nelle ultime ore, l’intensificarsi di queste precipitazioni ha portato a esondazioni di fiumi, frane e altri fenomeni associati (forti venti, grandine, temporali, nevicate). Delle 25 regioni del paese, 24 sono state colpite dalle calamità sopra elencate. In 12 regioni è stato dichiarato lo stato di emergenza e in 7 lo stato di emergenza sanitaria.

Le zone più colpite sono le regioni settentrionali del paese (Lambayeque, Piura, Cajamarca, Tumbes) e, in misura minore, le regioni centrali di Ica, Lima e Huancavelica.

                                                           

Le inondazioni e le frane hanno provocato la morte di 75 persone, 18'000 case risultano distrutte o inagibili e 7'000 ettari di terreno coltivato sono stati sommersi con conseguente perdita delle colture. Inoltre, nella gran parte dei distretti delle due più grandi città del paese, Lima e Arequipa, sono stati bloccati i rifornimenti d’acqua, lasciando a secco i rubinetti di 13 milioni di persone.

Secondo l’ufficio delle Nazioni Unite in Perù, 7'974 abitazioni sono state distrutte e altre 7'925 risultano inagibili a causa dei numerosi danni subiti. Si stima che siano più di 62'000 le persone che necessitano di aiuti umanitari.

Molte delle zone colpite hanno subito la distruzione della rete idrica e dei canali di scarico. La presenza di acqua stagnante e la mancanza di un’igiene di base stanno permettendo la proliferazione di batteri. Pertanto, una delle priorità è di bonificare le zone inondate, anche attraverso la fumigazione, utile per frenare la nascita di eventuali focolai epidemici.

La situazione sanitaria rimane critica (338 strutture sanitarie danneggiate e 8 sono crollate) e si riporta un incremento dei casi di malattie come la Dengue e di patologie diarroiche, dovute principalmente alla crescita della presenza di mosche, zanzare e insetti di tutti i tipi.

 

Per far fronte a questi problemi si è messa in moto la macchina degli aiuti umanitari. In tre governi regionali sono stati consegnati 7.9 tonnellate di alimenti, e in 4 regioni sono stati distribuiti più di 8'000 litri di acqua imbottigliata. Inoltre, l’Instituto Nacional De Defensa Civil (INDECI), ha consegnato ai governi regionali più di 1'500 tonnellate metriche di beni di natura non alimentare.

 

Infine, il governo peruviano ha destinato 2.5 miliardi di Soles (circa 700 milioni di euro) per contrastare l’emergenza nazionale e 5.5 miliardi per la ricostruzione.

ASPEm Onlus

Via Dalmazia, 2

22063 Cantù (CO)

Tel. +39.031.711394

Email: aspem@aspem.org

 

Copyright © ASPEm 2011

Design by RaRo Lab